Passa ai contenuti principali

Federico II e i suoi castelli: il Castello di Gioia del Colle


“Moltissimi anni fa, in una terra tra il mare e le colline, vi erano un castello, un re geloso e una bellissima principessa rinchiusa in una torre”.



Quante fiabe potrebbero cominciare così. Ma la storia di Bianca Lancia, la donna amata da Federico II e madre di tre dei suoi figli, non è una favola. Né ha un lieto fine, ma rappresenta una delle vicende più buie e drammatiche che la tradizione leghi alla figura dello Stupor mundi. Fonti certe non ce sono, ma un cronista dell’epoca, padre Bonaventura da Lama, racconta questo. Bianca Lancia, la giovane amante dell’imperatore, viveva nel castello di Gioia del Colle, in attesa del figlio di Federico, Manfredi, quando un’accusa di tradimento mise in dubbio la paternità del nascituro. L’imperatore, folle di gelosia, ordinò che la donna fosse rinchiusa nella torre del castello, fino a che non avesse messo alla luce il bambino. Quando questi nacque la somiglianza con il sovrano liberò Bianca da ogni sospetto. L’affronto e la macchia al suo onore furono però insopportabili. La donna si fece portare un pugnale e si recise i seni; poi li sistemò su un vassoio, sul quale adagiò anche il piccolo Manfredi, e li inviò a Federico. Infine, rimasta sola, si uccise.


Nella realtà le cose andarono diversamente, anche perché dopo Manfredi Bianca diede a Federico un’altra figlia, Violante. La prigionia e il suicidio della nobildonna non sono che una leggenda nera, dalla quale il castello di Gioia del Colle emerge avvolto in una cortina di nebbie gotiche. Riportato allo splendore originario dai restauri che si sono susseguiti nel novecento, il castello troneggia nel bel mezzo del centro storico della cittadina pugliese. Da un reticolo di stradine si sbuca nella piazza sulla quale svetta una delle due torri, la torre dei Rossi. La facciata e tutte le mura esterne sono ricoperte da un elegante bugnato, elemento decorativo tipico delle costruzioni federiciane, importato dalla Terra Santa al tempo della quinta crociata. Altri elementi provenienti dall’oriente islamico, tanto apprezzato dall’imperatore Federico, si ritrovano poi nelle fregi e nei motivi figurativi dell’interno. Attraversato il portale gotico si accede al grande atrio trapezioidale.


Da qui si può visitare l’altra torre del castello: la torre dell’Imperatrice. Il nome, come si può intuire, deriva proprio dalla vicenda di Bianca Lancia, che, sposata in punto di morte da Federico, fu, seppur per pochissimo, imperatrice a tutti gli effetti. È significativo che il primo ambiente che si incontra, appena superato un salone con un monumentale forno a legna, sia la prigione del castello. Bisogna scendere per degli scalini ed entrare in una buia stanza quadrata. Ecco dove la tradizione vuole che Bianca fu rinchiusa. Stupisce, per una prigione dell’epoca, la presenza di una comodità che solo re e principi potevano concedersi: un gabinetto in pietra, un tempo collegato ad un impianto fognario, è ancora perfettamente conservato in una nicchia nella parete. Anche solo questo oggetto farebbe pensare che davvero lì furono rinchiusi detenuti di rango. Ma altro nella stanza rimanda alla figura di Bianca. Su una delle lastre che compongono una parrete, sono scolpite due protuberanze semisferiche, la cui utilità non è stata ancora individuata. Sono i “seni di Bianca Lancia”, scolpiti nella pietra a ricordare le sofferenze dell’imperatrice.





Se ci si vuole poi immergere nell’atmosfera di una corte medievale bisogna allora lasciare la torre e raggiungere la “sala del trono”. È un grande ambiente rettangolare, sul fondo del quale è sistemato un trono in marmo coperto di bassorilievi che riprendono il motivo del falco; al centro della sala fa bella mostra di sé un grande camino, anche questo riccamente decorato. Panche marmoree si susseguono lungo le pareti e divide la sala un grande arco a ogiva che serviva a delimitare lo spazio del sovrano e dei più alti dignitari da quello dei postulanti che attendevano sulle panche.


Vale infine una visita al castello di Gioia del Colle per ammirare anche la collezione del Museo Archeologico Nazionale che è conservata nelle sue sale. Istituito nel 1977 il museo raccoglie reperti del vicino sito peuceta di Monte Sannace.

Per informazioni sulle visite: Castello di Gioia del Colle



Alessio

Commenti

Post popolari in questo blog

Impression de Sicile: Palerme

Versione italianaEnglish version
À différence de tous les autres voyages que j'ai fait, soigneusement pensés et organisés en avance, celui-là à Palerme a été tout à fait inattendu.  Bon, on m'a proposé d'y aller deux semaines avant du véritable départ, mais alors je ne savais pas encore si j'aurais pu y aller. La certitude est arrivée une semaine après, 7 jours avant de partir. Quelqu'un pourrait me dire: "Une semaine est plus que sufficent pour s'organiser". Sans doute. Mais une semaine n'a été pas assez pour me préparer à ce que j'aurais rencontré.

I palmenti di Pietragalla

English versionVersion française

“Toh, guarda che carine! Sembrano le case degli hobbit!” Ecco cosa ho pensato quando, percorrendo i tornanti della statale 169, siamo arrivati a Pietragalla e abbiamo visto sfilare davanti a noi delle piccole costruzioni che facevano pensare alla Contea uscita dalla penna di Tolkien. “Pa’, ferma la macchina!” Era impensabile lasciare quel posto senza scoprire di cosa si trattasse.
Scesi dall’auto ci siamo avventurati tra le casette per finalmente scoprire che si trattava di tutt’altro ed ecco che siamo venuti a conoscenza dell’esistenza dei palmenti.

Benvenuti all'Inferno!

Lasciate ogni speranza voi che entrate



Sabato 3 giugno ho avuto la fortuna di essere invitata dalla digital strategist delle  Grotte di Castellana ad assistere a Hell in the Cave. È uno spettacolo unico nel suo genere che ha come palcoscenico la grotta della Grave nel complesso carsico che ha reso famosa Castellana Grotte. Mette in scena l’Inferno di Dante. Sin dalla prima edizione sono stata incuriosita da questa attrazione, ma ancora non ero riuscita ad assistervi. Fino ad ora.